P!nkinside - 'Cause we are all P!nkinside: #163 (ri)Costruiamoci

14 aprile 2009

#163 (ri)Costruiamoci

Sto leggendo "Uno, nessuno e centomila" di Luigi Pirandello e dal lontano 1925 sembra che mi (ci) parli. Questo estratto casca proprio a fagiuolo:

"Ci vorrebbe un po' piú d'intesa tra l'uomo e la natura. Troppo spesso la natura si diverte a buttare all'aria tutte le nostre ingegnose costruzioni. Cicloni, terremoti... Ma l'uomo non si dà per vinto. Ricostruisce, ricostruisce, bestiolina pervicace. E tutto è per lui materia di ricostruzione. Perché ha in sé quella tal cosa che non si sa che sia, per cui deve per forza costruire, trasformare a suo modo la materia che gli offre la natura ignara, forse e, almeno quando vuole, paziente. Ma si contentasse soltanto delle cose, di cui, fino a prova contraria, non si conosce che abbiano in sé facoltà di sentire lo strazio a causa dei nostri adattamenti e delle nostre costruzioni! Nossignori. L'uomo piglia a materia anche se stesso, e si costruisce, sissignori, come una casa.
Voi credete di conoscervi se non vi costruite in qualche modo? E ch’io possa conoscervi, se non vi costruisco a modo mio? E voi me, se non mi costruite a modo vostro? Possiamo conoscere soltanto quello a cui riusciamo a dar forma. Ma che conoscenza può essere? E forse questa forma la cosa stessa? Sí, tanto per me, quanto per voi; ma non cosí per me come per voi: tanto vero che io non mi riconosco nella forma che mi date voi, né voi in quella che vi do io; e la stessa cosa non è uguale per tutti e anche per ciascuno di noi può di continuo cangiare, e difatti cangia di continuo.
Eppure, non c'è altra realtà fuori di questa, se non cioè nella forma momentanea che riusciamo a dare a noi stessi, agli altri, alle cose. La realtà che ho io per voi è nella forma che voi mi date; ma è realtà per voi e non per me; la realtà che voi avete per me è nella forma che io vi do; ma è realtà per me e non per voi; e per me stesso io non ho altra realtà se non nella forma che riesco a darmi. E come? Ma costruendomi, appunto.
Ah, voi credete che si costruiscano soltanto le case? Io mi costruisco di continuo e vi costruisco, e voi fate altrettanto. E la costruzione dura finché non si sgretoli il materiale dei nostri sentimenti e finché duri il cemento della nostra volontà. E perché credete che vi si raccomandi tanto la fermezza della volontà e la costanza dei sentimenti? Basta che quella vacilli un poco, e che questi si alterino d'un punto o cangino minimamente, e addio realtà nostra! Ci accorgiamo subito che non era altro che una nostra illusione.
Fermezza di volontà, dunque. Costanza nei sentimenti. Tenetevi forte, tenetevi forte per non dare di questi tuffi nel vuoto, per non andare incontro a queste ingrate soprese.
Ma che belle costruzioni vengono fuori!"

7 commenti:

Lindalov ha detto...

Bel libro. Grande "Gigi".

Non capisco perché nel mio blog roll non si aggiorna il tuo blog.

Enzo ha detto...

Io forse sarò un cretino... ma questo libro non l'ho mai retto! Pirandello mi è piaciuto di più per Il fu Mattia Pascal, te lo consiglio vivamente. ciao ciao

P.s. non ricordo la pass di blogger, se non uscisse il mio nome ti avverto che sono Enzo :P

TRE_VOLTE_EVA ha detto...

a parte la scrittura un pò agée pirandello ha scritto pagine formidabili! purtroppo a differenza del francese la lingua italiana continua a modificare anno dopo anno per cui immagino sarà sempre più difficile col tempo leggere i libri di pirandello con la leggerezza che meritano. La patente rimane comunque il mio racconto preferito.. c'è l'essenza dell'italiano medio in quel racconto!

PS non ho ricevuto risposta alla mail... ancora scioccato pink? :)))

Damiani ha detto...

E oggi è anche l'heart day...

Fabietto ha detto...

Ma... "te l'avevo detto" oppure "alla fine ho sempre ragione io" sono commenti troppo retorico-pretenziosi e/o sbrigativo-limitati per il livello di questo post?!?!

:-)

Danielagna (a.k.a. Lelaebasta) ha detto...

Io sono arrabbiata perchè non scrivi più spesso. Uff.

Piero ha detto...

Ammetto che non vengo spesso sul tuo blogghino, ma ogni volta è una soddisfazione.

Ciao grande!
Piero(it)